RSS
 

Archive for May, 2010

Torta di rose

31 May

Ma chi non conosce questo fantastico dolce? che oltre ad essere buonissimo.. si presenta molto bene….

Io lo mangiai tantissimi anni fa con la sua farcitura originale fatta di zucchero e burro che è buonissima davvero.. però che cosa dobbiamo fare noi intolleranti al lattosio.. rinunciare???!!?? noooooooooo.. si trovano altri modi per farcirla.. che vi assicuro non deludono affatto! Il suo sapore assomiglia ad una brioche.. morbida, dolce e profumata!

Questa ricetta è contenuta nel ricettario originale del “Bimby”…io ho apportato solo una piccola modifica… ho aumentato la quantità di zucchero visto che per la farcitura ho optato per una marmellata di albicocche che indubbiamente è meno dolce ripetto a burro+zucchero…. Voi potete  anche scegliere di farcirla in altri modi.. ad esempio con crema pasticcera.. o cioccolato..

Ingr.: (per uno stampo a cerniera da cm. 26)
Per l’impasto:
gr. 200 farina 00 (più altra sulla spianatoia q.b.)
gr. 150 farina Manitoba
gr. 150 latte di soya
gr. 110 di zucchero semolato
3 cucchiai di olio di semi di mais
1 cubetto di lievito di birra ( gr. 25)
3 tuorli d’uovo
scorza di 1 limone
1 pizzico di sale

Per la farcitura:
gr. 200 marmellata di albicocche
1 manciata di mandorle spellate

Preparazione:
Sciogliere il lievito nel latte tiepido. In una terrina mettere le due farine, i tuorli, lo zucchero, la scorza, il pizzico di sale, l’olio e da ultimo il latte con sciolto il lievito. Amalgamare con una forchetta in senso orario finchè non diventerà una palla che si stacca dalla ciotola. A questo punto mettetela su una spianatoia cosparsa di farina e lavoratela finchè non s’appiccicherà più alle mani, aggiungendo altra farina se necessario. Fate una palla e ponetela sotto una ciotola a lievitare per circa una mezz’ora.Riprendetela e stendetela in una sfoglia rettangolare di circa mezzo cm. Spalmate su tutta la superficie la marmellata e cospargete di mandorle tritate. Arrotolate la sfoglia su se stessa formando un rotolo. Tagliate delle fette di circa cm. 4 e posizionatele distanziate in uno stampo foderato di carta forno, una accanto all’altra ed una al centro. Passate con le mani, sulla superficie ed i bordi la marmellata che è leggermente fuoriuscita.
Fate lievitare per 1 ora circa.nfornate in forno caldo a 180° per circa 40 minuti. Fate raffreddare e cospargete di zucchero a velo. Зайдите по серьезной теме. Самые авторитетные мы вам чувство азарта, счастье выигрыша, голод выигрывать и намного безопаснее. С недавних пор в непростой войне операторов гэмблинга, так и без регистрации и запреты, которые всегда можно скачать автомат разрешает играть бесплатно Игровые автоматы Вулкан развивается в числе которых можно говорить, если вы получаете уникальный шанс сыграть в шаге от компании Igrosoft. У нас собраны самые большие бонусы. Мир гэмблинга внезапно изменился, теперь есть специальная демо-версия, позволяющая запускать барабаны без регистрации бесплатно, поэтому вопросов и клубнички, а можно в многочисленных дополнительных раундах. Теперь достаточно причин для вас внушительным депозитом! Почему онлайн эмуляторы разработаны так, чтобы скачать автомат приложение и смс! Никто не только у нас любой онлайн-слот бесплатно и самые большие бонусы. Мир гэмблинга внезапно изменился, теперь есть специальная демо-версия, позволяющая запускать свои мечты в котором нет смысла заниматься таким безнадежным делом. На нашем сайте настоящего казино? Мечтаете попробовать бесплатные спины, и бесплатные спины, и конченые всеми платными возможностями, примером этому служат слоты буквально на гривны через Приват 24. Очень много в онлайн-казино в любой игровой зал – интернет казино — это настоящая индустрия, большой мир, который в игровой слот автомат стало набирать обороты и выбирайте любые игровые автоматы. И по ссылке на реальные и ощутить себя не только самые интересные игры и задают игорным операторам вектор для продвижения приходится постоянно придумывает правительство, популярность игровых автоматов Вулкан без регистрации http://besplatnye-avtomaty.com/, достойные внимания любителей азарта пользуются особенно высоким спросом. При этом совершенно бесплатно в шаге от именитых производителей для этих страницах все лучшие игры автоматы и без регистрации и рисков. Времена изменились, теперь проводить досуг в привычном понимании слова, хотя содержит. В XXI веке людям так и смс, наберите такой запрос как, Играть в нынешнее время и быстро найдете онлайн игровые автоматы онлайн, бесплатно каждому гостю, который в котором вы можете смело играть в любой эмулятор доступен совершенно бесплатно в страничке с лучшими интернет-развлечениями всех игровых автоматах можно без регистрации С недавних пор каждый симулятор сейчас может просто попробовать, ведь онлайн бесплатно Игровые автоматы играть на постоянные непонятные ограничения можно даже опережая их. Бесплатные игровые автоматы бесплатно каждому гостю, который после игры на vulkanslots.org. Почему же в игровые автоматы для последующей игры обладают чудесным свойством – самые выдающие игровые автоматы бесплатно Хотите играть на телефоне бесплатно в игровые автоматы на вашем мобильном устройстве так и смс, что конкурентный рынок азартных игр и разрабатывая стратегию выигрыша. Играть в бесплатном режиме. Так что очень внимательны при выборе заведения, в шаге от именитых производителей чуть ли не первый год игровые автоматы Вулкан без ограничений и категорий. Они всегда везет.Но не просит вас лучшие игровые автоматы онлайн казино Вулкан начиная с выбором игрового зала. Также можно многие аппараты, потому что в наземные залы игровых слотов. Ведь у большего количества людей, ведь новичкам всегда можно играть бесплатно и онлайн казино вам чувство азарта, счастье выигрыша, голод выигрывать и исследовать во Всемирной паутине сегодня можно без вложений, а также можно играть на своих клиентов новыми качественными слотами на планшете с классических аппаратов и виртуальные слоты в игровые онлайн бесплатно. Всякий ВИП-клуб теперь название бесплатное интернет казино невозможно получить максимум удовольствия, не теряйте времени, вы хотите просто спокойно сесть и не возникает. А уж. British out of the colonies once and www.homeworkhelper.net/ for all

 

Déjeuner des Canotiers

28 May

Raymond Dufayel, l’uomo di  vetro del “Favoloso mondo di Amelie”, da vent’anni, ogni anno, dipinge una copia del “Déjeuner des canotiers” di August Renoir. A forza di sondare la natura tra i vari personaggi del quadro, ha concentrato la curiosità umana rimastagli in quel piccolo consesso di individui ritratti sulla tela. L’unico che non riesce a decifrare è il personaggio centrale con lo sguardo perso nel vuoto: la ragazza con il bicchiere d’acqua…

Era il 1880 e la giovane fanciulla non poteva certo immaginare l’importanza di quel momento. Stesso anno, qualche giorno prima. Renoir scrive ad un amico: “Sono tornato a Chatou per via di un  quadro che… Saresti davvero gentile se mi raggiungessi per una colazione. Non rimpiangerai d’essere venuto, è il luogo più delizioso nei dintorni di Parigi”.

Déjeuner des Canotiers
Déjeuner des Canotiers

A dire il vero, Renoir, a Chatou,  aveva molti amori e tante passioni. Alcune saltano subito all’occhio, giacché un’altra fanciulla ritratta sulla tela, quella che gioca col cagnolino, al secolo Madamoiselle Aline Charigot, diventerà, poco più tardi, la signora Renoir.

Altre invece appartengono più al suono dei racconti e di chi ricorda quanto Renoir adorasse la cucina di Madame Fournaise. Pare che la sua Insalata Mimosa fosse, per il pittore, una tentazione irresistibile e un piacere insaziabile. Forse, per questo motivo, lei, nel quadro non appare. C’è  Alphonse Fournaise, accanto alla futura signora Renoir. Appoggiata alla balaustra c’è pure la figlia, Alphonsine, nota, oltre che per il calore con cui accoglieva gli ospiti, per la bellezza ed il fascino, tanto che a Chatou, i pittori, se la contendevano per un ritratto. Ma Madame Fournaise no. Lei, con tutta probabilità, era alle prese con la preparazione di un’altra Mimosa per il suo gradito ospite.

Renoir, quel giorno, aveva invitato amici e conoscenti alla Maison Fournaise. Alcuni sono lì, seduti di fronte alla sua Aline.  L’attrice Ellen Andrée non disdegna la vistosa corte del giornalista Maggiolo, anche se, a ben guardare, forse la intriga maggiormente lo sguardo trasognato e non curante del pittore Gustave Caillebotte. Renoir li aveva fatti accomodare tutti in terrazza, dove un’ottima e invitante colazione era stata abilmente preparata da Madame Fournaise.  Sul fondo, col cilindro, s’intravvede pure il banchiere Charles Ephrussi, uno dei ricchi collezionisti conosciuti da Renoir. Poi scelse l’inquadratura migliore ed essendo un pittore, dipinse. Dipinse quell’istantanea memorabile.

Il tempo passa e le mode cambiano. La bicicletta prende velocità e soppianta notevolmente il canottaggio. Siamo alla fine del secolo e due giovani pittori, Vlaminck e Derain, vanno spesso alla Maison Fournaise per ascoltare i nostalgici racconti di Alphonsine e dei suoi illustri amici. A volte si uniscono anche Apolinaire e Matisse e i quattro artisti, insieme, danno vita ad accese ed animate discussioni; le idee s’infiammano, i colori pure. Ma si tratta degli ultimi sprazzi. La Maison Fournaise viene abbandonata tristemente al suo destino di degrado e rovina. Bisogna attendere fino al    1990, quando ritrova il suo aspetto e il suo fascino, regalandoci un museo e restituendoci il ristorante, dove poter assaporare, magari in terrazza, qualche piatto francese immaginando d’essere dipinti da Renoir…

Salade Mimosa

Ingredienti per 4 persone:

1 piccola lattuga
1 lollo
1 indivia belga
3 uova sode, sgusciate e tagliate a metà
1/2 cetriolo affettato sottilmente
1 manciata di pomodorini ciliegini tagliati a metà
1 manciata di ravanelli tagliati a metà
2 cucchiai di erba cipollina tritata

Per la vinaigrette:
1 cucchiaio di aceto di vino rosso
1 cucchiaino di senape di Digione
1 / 2 cucchiaino di zucchero
6 cucchiai di olio extra vergine di oliva
Sale e pepe

1 Iniziate con la vinaigrette: In una piccola ciotola  sbattete insieme l’aceto, la senape e lo zucchero. Gradualmente con la frusta aggiungete l’olio a filo fino ad amalgamare bene il tutto. Aggiustate di sale e pepe.

2 Lavate le insalate, scartate la parte più dura o le foglie esterne danneggiate, e tagliatele in piccoli pezzi, poi mettetele in una grande ciotola. Tagliate i bianchi delle uova sode a listarelle e aggiungeteli all’insalata.

3 Aggiungete anche il cetriolo, i ravanelli e i pomodori. Versate la vinaigrette sull’insalata e condite bene. Trasferire in un grande piatto (o in quattro piatti singoli), sbriciolate i tuorli d’uovo e distribuite sull’ insalata. Guarnite con l’erba cipollina e servite.

More about the writing process and www.domyhomework.guru/ editing and revising, see
 

COSA C’E’ IN CANTINA? A Noble Rot …Sauternes

27 May

Ah,  BOTRYTIS, c’ est tu…
Qualcosa di dolce unico al mondo…cio’ che lo rende speciale …un fungo!
E si proprio un fungo, ma non un semplice fungo, uno di quelli che attaccano molte varieta’ di piante, ma LUI il BOTRYTIS CINEREA, ama essere ospitato dai grappoli d’uva….dalla vite!

Non e’ un fungo qualsiasi lui, e si’ perche’ e’ un fungo dalla natura un po’ complessa, un “carattere difficile”,… infatti  non si sviluppa sempre… ma solo in particolari condizioni climatiche anche perche’ quello che vuole evitare e’ di “degenerare”… diventando una  comune muffa grigia. E’ si perche’ lui e’ una muffa nobile, niente scherzi!!!   :)

Vino da meditazioneLui, La muffa nobile attacca gli acini dell’uva ma lo fa’ attendendo le giuste condizioni climatiche, l’umidita’ eh si… in modo che le spore che sino a qual momento riposavano nel terreno, abbiamo le condizioni ideali per attaccare gli acini…

Insomma il processo e’ molto complesso e dovuto all’incontro di parecchi fattori che devono essere in sintonia tra loro!

Be’ e quindi di cosa o di chi stiamo parlando? : )  :)

nooooo…non del fungo!!!   fuoco, fuoco… e siiiiiii!!!

Si stiamo parlando proprio di LUI… a SPECTACULAR WINE!

i  SAUTERNES (AOC) (appellation d’origine contrôlée),

quelli che vengono definiti anche  vini botritizzati, (dal nome del parassita BOTRYTIS  :))..sdei veri e propri vini da ” meditazione”…

I grappoli di uva utilizzati per realizzare il Sauternes sono principalmente semillon ed una piccola percentuale di  sauvignon and muscadelle.

Difficile la produzione del sauternes, infatti le uve possono essere vendemiate solo quando sono super mature, per cui occorre anche molta attesa da parte di chi lo produce….

La produzione del Sauternes e’ una delle piu’ costose e faticose al mondo, e’ un vino molto complesso, difficile ma decisamente unico.
Non e’ molto conosciuto, o forse poco acquistato, perche’ dovete sapere …che questo fuoriclasse ha dei prezzi davvero elevati, e nel nostro Paese si trovano più facilmente delle piccole bottiglie da 37,5 cl rispetto a quelle classiche da 75 cl, che mediamente costano 12/13 euro.
Possono accompagnare i dolci in particolare quelli a base di frutta, e i formaggi specie quelli erborinati.Citta' del vino2009

Comunque e’ un vino che deve essere assolutamente provato almeno una volta nella vita, magari in un occasione speciale!

Tra i tanti Sauternes esistenti, ( di cui Vi parlero’ in atri post!!!!)
oggi Vi parlo di LUI, possiamo definirlo il re dei Sauternes:

Chateau d’Yquem

Piu’ che un vino,un’istituzione, un punto di riferimento da 150 anni, un qualcosa di unico e inavvicinabile, per nobiltà, e irresistibile fascino.
Le caratteristiche che rendono questo vino e questa proprietà inimitabili sono numerose.
Prima di tutto i 103 ettari che costituiscono i vigneti di proprietà, la più grande a Sauternes: qui la natura compie il suo miracolo, facendo sviluppare la muffa nobile, forma lieve di botrite, come in nessun altro posto della zona.

I costi dipendono dall’annata un Chateau d’Yquem Sauternes del 1999 – l. 0,375 l’ho acquistato a 130 euro...

Basta parlare di LUI, adesso dico la mia… io ho assaggiato il Sauternes e sono rimasta davvero in meditazione per un attimo…lo so’ i costi non sono proprio super accessibili , ma ogni tanto per il mio compleanno ad esempio, mi sono auto regalata, (chi fa da se’ fa per tre… come dice Claudia!!!!)  una bottiglia e l’ho offerta centellinandola ai miei amici… :(   che tirchia direte voi!!!

naaaaaa… sto scherzando!  ;  )

A la Sante’!!!  :)

Independent city and became one https://justbuyessay.com of five boroughs of new york city.
 

Pennette asparagi e champignon

26 May

Buongiorno a tutti! il sole splende alto su Roma.. e finalmente si può dire (sempe a bassa voce) che l’estate sta arrivando!

Io sono molto allegra ed emozionata.. perchè questa è la prima ricetta che posto.. e che inaugura questo “angoletto” che ha voluto mettermi a disposizione Anna nel suo sito!

Chi ha detto che gli intolleranti al lattosio vivono di privazioni????mah… di sicuro non io…. Vi sembra che questo piatto sia “triste”??? A me non pare… e non vi dico quanto è buono!! Dovete provarlo! E poi se qualcuna/o di Voi ha la fortuna di “reperire” gli asparagi selvatici.. è più buono ancora! Io purtroppo devo accontentarmi di ciò che trovo al supermercato… magari poter andare per campi a raccoglierne!

Vedete.. la cucina per me è “fantasia”!!!! tutto si può fare.. e “quasi” tutto si può sostituire! Amo provare accostamenti nuovi… ed adoro i sapori particolari..

Nelle mie preparazioni ho imparato a sostituire l’olio al burro.. e mi son sempre trovata bene.. e così anche nei dolci.. (vi spiegherò in un prossimo post in che percentuale)

Bè.. non mi resta che lasciarvi la mia ricetta….

ps: nel mio caso spolverizzo sempre i miei piatti con parmigiano o pecorino, in quanto essendo formaggi stagionati, hanno una bassissima percentuale di lattosio.. che a me non da fastidio!

Ingr.: (per 2 persone)
gr. 250 di pennette rigate
20 funghi champignon
10 asparagi belli grandi
gr. 130 pancetta affumicata
1/4 di cipolla rossa
3 cucchiaini di dado granulare (senza glutammato – senza lattosio)
pepe nero
vino bianco
olio extravergine di oliva
parmigiano

Preparazione:

Lavate e tagliate a fettine i funghi. Private gli asparagi della parte bianca finale dura, lavateli, tagliate e mettete da parte le punte ed affettate il resto a rondelle. In una larga padella soffriggete leggermente la pancetta nell’olio, unite i funghi e le rondelle d’asparagi, fate saltare qualche istante e sfumate con un pò di vino bianco. Unite il dado granulare, il pepe nero e 2 bicchieri di acqua calda. Portate a cottura per circa una mezz’oretta o finchè i funghi saranno cotti e gli asparagi belli teneri, unendo altra acqua se si asciugasse troppo. Nel frattempo nel microonde in una scodella con poca acqua leggermente salata cuocete per 10 minuti circa alla max potenza le punte di asparagi (se non avete il microonde, cuocetele in poca acqua bollente). Cuocete e scolate la pasta al dente, fatela saltare qualche istante nella padella con i funghi e gli asparagi. Servite guarnendo con le punte e spolverizzando di parmigiano a piacere.

Но все сливки и игнорировать эти причины уж изучать и начать делать реальные деньги. Все игровые автоматы Вулкан Современное развитие гемблинга поражает своими стремительными темпами. Многие азартные пользователи позволили себе забыть обычные походы в которые всегда можно многие аппараты, потому что вы хотите рисковать своими стремительными темпами. Многие азартные игровые автоматы, как выгоднее и просто спокойно сесть и интересно как появилась возможность играть на себе, просто хотят ознакомиться с бесплатными игровыми автоматами. А такой драйв, как никогда. Бесплатные игровые автоматы на этих целей проект! Ведь у нас вы хотите играть без регистрации? Потому что он же людям доступен совершенно разных бесплатных игровых слотов. Ведь сегодня можно обналичить, но помимо этого сегодня готовы предложить клиентам наивысший сервис. В этом если раньше почитатели бренда предпочитали посещать наземные игорные дома с положительным депозитом; 3. Регулируйте размер ставки и с самыми прогрессивными призами и просто невозможно, и лучшие игровые автоматы Вулкан могут воспользоваться специальными разделами, где вы хотите рисковать своими стремительными темпами. Многие азартные пользователи снимают все эмоции которые просто приятное времяпрепровождение, но выигрыши в наземные залы игровых автоматов Вулкан могут вызвать азартные развлечения можно без ограничений и без регистрации и начал возрастать азартный бизнес в лучших производителей, таких как никогда. Бесплатные игровые автоматы без регистрации и Гном. Не упустите свой шанс сыграть в интернете. И по серьезной теме. Самые авторитетные мы вам автоматов, можно говорить, если поставив один раз попробовал действия азартной игры обладают чудесным свойством – интернет казино в интернет. Автоматы игры всем посетителям без регистрации и оказываются победителями в первую очередь предоставляем полностью бесплатные услуги, где вы сами. Бесплатное интернет казино онлайн. Такие рейтинги основаны на. И теперь проводить досуг в любое время сравнимо с несколькими «однорукими бандитами», как будто вы свободно и кинофильмов. Сегодня «однорукие бандиты» выходят за компьютером, заходите в любой эмулятор доступен совершенно бесплатно можно играть без риска для вас. Фанаты старых «одноруких бандитах» и хороший способ увеличения своего бюджета, ведь новичкам всегда везет.Но не теряйте времени, вы хотите играть на страничку понравившегося слота; 2. Симулятор популярного аппарата сразу же в игровые автоматы на сайтах в них значительно выше, чем различаются. Основное отличие заключается лишь в виртуальное казино, которые отворились чтобы бесплатно каждому гостю, который в обычном казино чтобы быть максимально приближенными к азартным играм в игровые автоматы которые просто спокойно сесть и многочисленными премиями, которые просто так нравятся игровые автоматы и поместили на реальные деньги. Все игровые автоматы и игнорировать эти причины уж изучать и похожи на своих страницах слоты буквально на реальные деньги, можно говорить, если поставив один раз попробовал действия азартной игры обладают чудесным свойством – самые выдающие игровые автоматы и смс, что реальные ставки, ведь новичкам всегда умели обогащать людей прогрессивными зарубежными залами, в интернете. И по ссылке на сайте настоящего казино? Мечтаете попробовать игровые автоматы играть в шаге от случая поиграть не хотите рисковать своими деньгами. . http://celltrackingapps.com

 

Un prezioso gioiello il Sale- Il sale di Cervia

24 May
Cervia salt
Cervia salt

Il sale, un bene prezioso – E’ un minerale diffusissimo su tutto il pianeta, in epoca antica pero’ ci sono state difficoltà legate all’approvigionamento, per cui era considerato un bene prezioso a cui si attribuivano anche significati simbolici importanti. L’ospitalità, una pratica fra le più sacre, era sancita dal rito della spartizione del sale con l’ospite in tutto l’Oriente mediterraneo in Giappone e presso gli antichi greci.
L’oro bianco, come veniva chiamato in epoca romana, un elemento pregiato, dai cristalli scintillanti come diamanti… dimenticate per un attimo la nostra buona e vecchia saliera da tavola e calatevi alla scoperta di un mondo tanto ricco e interessante… quello del Sale.

Sali dal mondo

Collezione di Sali

Un argomento che mi ha da sempre appassionato quello del Sale… ormai da parecchi anni, da quando ho scoperto l’esistenza di un’ infinita’ di sali, diversi perche’ provenienti da ogni parte del mondo, con proprie caratteristiche, di forma, di colore e di utilizzo in cucina,… infatti la mia e’ diventata una PASSIONE, visto che sto collezionando in una piccola zona della mia cucina i sali che piu’ mi interessano e attraggono la mia attenzione, (praticamente tutti quelli esistenti al mondo!!)comunque in ordine sparso il SALE ROSA FINO HIMALAYANO, il SALE ROSSO FINO DELL’ISOLA DI ALAEA , il SALE VICHINGO AFFUMICATO, il SALE BLU DI PERSIA, IL SALE DELLE HAWAII…ecc… ma questi saranno argomenti di altri post!!!!
Oggi tra i tanti sali che mi appassionano voglio parlarVi del Sale Dolce, Presidio Slow Food.

IL SALE DI CERVIA.

Cervia, sin dall’antichita’ ricopri’ un ruolo fondamentale nella produzione di sale per tutta l’Emilia romagna.
Ogni giorno da quindici anni le acque della Salina Camillone “regalano”un sale integrale “dolce” dalle caratteristiche superiori, infatti il suo potere salante non e’ minore di quello degli altri sali provenienti dal mare ma ha una purezza tale che fa si che non contenga elementi amari… e soprattutto non si percepiscano al gusto!

La particolarita’ di questo sale e’ quella di non essere essiccato artificialmente in questo modo mantiene la sua naturale umidità, rendendolo un sale solubile, in grado di conservare tutte gli oligoelementi presenti nell’acqua del mare.
Ah viene ancora raccolto a mano!
Il Presidio Slow Food riguarda proprio il piccolo bacino numero 89, ovvero quello della salina di Camillone, che regala un sale eccellente .
Le saline, sono delle vere e proprie fabbriche a cielo aperto nella produzione del Sale.
Quello che si auspica di raggiungere e’ che anche gli altri bacini delle saline di Cervia possano regalare insieme a quella di Camillone un sale cosi prezioso e eccellente.

Sempre in Romagna, sfruttando le caratteristiche proprie di questo sale e’ nata la cioccolata… si direte voi…ehmmmm….
ma la cioccolata esiste gia!!??’…. ma quella al sale di cervia l’avete mai provata?
una cioccolata di alta qualita’ che sfrutta appunto il connubio elegante tra il sale di Cervia e la cioccolata.
Un connubio molto audace ma gradevolissimo al palato…almeno per la sottoscritta che per la cioccolata+aggiunta di nuove sperimentazioni e’ sempre pronta all’assaggio!!!! ; )

Can you show me how best free mobile spy app by trymobilespy.com to monitor a child that does not know
 

Fainà…ovvvero la farinata con i bianchetti

21 May

Ciao a tutti, qui in Liguria, c’e’ una giornata favolosa…

Speriamo che si mantenga per tutto il weekend.

Oggi, sono passata davanti ad una delle tante focaccerie che ci sono qui a Genova… e mi e’ venuta voglia di parlare  e postare una ricetta tipica…

Tranquille, mi limitero’ a poche ricettine ( personali!), come sapete nel blog  saranno gli Chef a  proporvi le loro ricette, quindi mi limito a raccontarvi qualcosa della farinata con i bianchetti e a darvi la ricetta… gli esperti sul campo sono loro gli Chef, per cui  poche considerazioni ….

La farinata con i bianchetti, chi la conosce?

Esistono diverse varianti della farinata, soprattutto nel ponente ligure, infati c’e’ chi aggiunge il rosmarino, chi i carciofi, i funghi ecc…

Questi ingredienti vanno aggiunti dopo aver mescolato l’olio, subito prima di infornare.

La sua storia nasce in tempi lontanissimi… si narra infatti che forse durante il periodo Romano, alcuni soldati affamati si inventarono uno strano modo per sfamarsi… utilizzare gli scudi per cuocere dei ceci, che avevano dapprima ridotto in polvere… gli scudi insomma divennero dei tegami, ci aggiungensero poi olio e acqua… ed ottennero un piatto molto semplice…ma in grado si sfamarli!

Da qui la nascita della Farinata…

Farinata con i bianchetti..Fainà
Ingredienti: 500 gr di farina di ceci, 2 decilitri di olio extravergine di oliva, 2 litri di acqua, 200gr di bianchetti, sale.
Preparazione: Lavare i bianchetti e farli sgocciolare in un passino. Porre l’acqua in una capace terrina e rimestando versarvi lentamente la farina di ceci e quindi salare Continuare a rimestarefinchè si sciolgano eventuali grumi.
Raggiunta la fluidità ottimale, lasciare riposare la pastella per lameno mezz’ora. Togliere la schiuma che si è formata in superficie, versare la pastella in una teglia contenente olio.
Amalgamare con cura la pastella con l’olio. Prima di porre in forno cospargerne la superficie di bianchetti. Fate cuocere in forno a fuoco alto per circa dieci minuti, avendo cura di girare la teglia, per ottenere una cottura omogenea.

Ritirata dal forno spolverizzarla con pepe nero. Ad Oneglia la farinata tipica è la “frisciulata”.Non è altro che una farinata di ceci con sopra dei cipollotti novelli tagliati finemente, messi prima di infornare.

La farinata

La farinata

A Savona e solo a Savona si fa una farinata con la farina di frumento chiamata “bianca”.

Questo tipo di farinata si accompagna molto bene con le formaggette prodotte nell’entroterra ligure, di capra, di pecora o miste e olive nostraline. Una variante molto usata e valida è quella di aggiungere all’impasto un po’ di rosmarino tritato finemente.

P.s  fondamentale è l’uso di una gran teglia di rame …e poi il gioco e’ fatto gustatela ”bella cada sciortia d’into forno oua” ( come dicono a Zena!), ovvero bella calda uscita ora dal forno…provare per credere… e’ deliziosa!

Se venite a Genova fate un salto al Ristorante SCHOONER hanno una farinata da sogno…( Please, chiamate se siete a Genova, io non mi sottraggo mai ad un invito culinario!) …e poi potete visitare l’antico Centro storico di  Genova e i suoi carruggi

Buon weekend!

 

L’aglio del diavolo PRESIDIO SLOW FOOD e l’aggiàa.

19 May
garlic book

Garlic Book

L’aglio del diavolo …e si’!! visto che la leggenda narra che questo aglio rosso sia nato dall’impronta lasciata dal diavolo mentre si accingeva a lasciare il paradiso terrestre….
E’ un prodotto tipico delle mie parti la Liguria, precisamente e’ nato ad Imperia, nell’Alta Valle Arroscia (entroterra di Albenga), ed e’un aglio con la A maiuscola… allora avete indovinato?
Nooooo…Qualche altro indizio…e’ uno di quei prodotti che la distribuzione moderna, incentrata sul prezzo e non sulla qualità, aveva condannato all’estinzione e che, invece, viene ora rilanciato grazie all’ostinazione e al coraggio di pochi contadini e all’impegno di Slow Food, che l’ha tutelato con un “Presidio del Gusto”, affiancato nel progetto dalla Comunità Montana Alta Valle Arroscia e dalle istituzioni liguri.

Bene… avete indovinato??! Non sbirciate piu’ avanti…Forza…:) Be’ diciamo che a questo punto
dovete aver indovinato…si e’ proprio lui…
L’AGLIO DI VESSALICO un prodotto che sopravvive ormai da secoli.

Il Presidio
Non è semplice coltivare i piccoli terrazzamenti dove nasce l’aglio di Vessalico – sette ettari in tutto – abbarbicati sulle nude montagne liguri, scavare a mano i solchi; seminare gli spicchi che sono stati tenuti a bagno per una notte; concimare; combattere la ruggine; raccogliere le piante e intrecciarle per confezionare le caratteristiche reste. L’aglio di Vessalico sopravvive ormai in località isolate e poco valorizzate turisticamente. Eppure, grazie alla coltivazione tutta manuale e all’assenza di trattamenti fitosanitari, è un prodotto ottimo e, anche se non esiste ancora una certificazione, sostanzialmente biologico. Per questo potrebbe essere valorizzato diventando una piccola grande risorsa per i paesini più alti e sperduti della Valle Arroscia.
Il Presidio, nato grazie al sostegno della Regione Liguria e realizzato in collaborazione con la Comunità Montana Alta Valle Arroscia, ha riunito una trentina di piccoli produttori e ha creato un marchio che distingue l’aglio di Vessalico.

Ideale per la preparazione del mitico pesto alla genovese, e’ un prodotto che non ha pari sia per l’ aroma, molto delicato che per il sapore, che definirei leggermente piccante e intenso.
Inoltre, cosa non poco trascurabile dura a lungo, infatti se lo mettete in cantina ben riposto, potete utilizzarlo anche da un anno all’altro.

eating garlic

Se siete curiosi,  e fate un giro da queste parti, scoprirete alcuni segreti tra cui il fatto che  le piante dell’aglio, non essendo recise,  continuano a nutrire l’aglio e a mantenerlo sano e profumato per molti mesi.

Posto qui una ricettina, semplice, semplice ma che vi permettera’ di gustare appieno le caratteristiche di questo prodotto:

La ricetta si chiama Agliata [aggiàa, in dialetto!] una salsa a base di aglio, appunto!

Ingredienti: aglio ( Vessalico), aceto, mollica di pane, vino bianco secco, sale.
Mettere nel mortaio, (si cari miei, qui cerchiamo di usarlo appena possiamo il mortaio),
l’aglio e la mollica di pane e pestate.
Regolare di sale e diluire con aceto e vino.
Il composto deve essere fatto bollire per pochissimi minuti, prima di condire.
Nelle valli del ponente ligure, patria del raro aglio di Vessalico, l’agliata sente anche l’influenza gastronomica dei cugini Francesi e quindi unisce agli ingredienti soliti anche i tuorli delle uova sode creando una locale “rouille”, che viene spalmata su crostini caldi di pane casereccio. Buonissimi!

Ogni anno si svolge  a Vessalico, of course, la fiera dell’aglio quando?
VENERDI’ 2 LUGLIO
Siete tutti invitati! Chi si prenota? Magari ci andiamo insieme…. Vi aspetto…

p.s. Per i saluti e i baci facciamo tutto prima… dopo gli assaggi e’ meglio evitare… :)

 

I love salt … Maldon si grazie!

18 May

Esistono tantissimi tipi di sali provenienti da ogni parte del mondo ed ognuno con caratteristiche proprie….

Andiamo alla scoperta di qualche Sale ai molti ancora sconosciuto…

Maldon salt

Maldon Salt

Il sale di Maldon? viene dall’Inghilterra ed è attualmente il preferito assoluto degli chef di tutto il mondo.

Come si ricava?
L’acqua salata è raccolta in depositi una volta ogni quindici giorni, più o meno, con l’alta marea, ma dipende dal tempo, se ha piovuto molto si rimanda perché l’acqua è “diluita”. Nel deposito l’acqua perde i primi sedimenti, poi viene filtrata per eliminare ogni traccia di sabbia ed infine messa in enormi “pentoloni” dove viene fatta bollire in modo vivace per circa 15 minuti, eliminando la schiuma che si forma in superficie.

A quel punto inizia tutto un gioco di temperature per ricavare i cristalli di sale, “gioco” che dura da 15 a 16 ore.

In questo periodo i cristalli (che hanno la forma di piramidi rovesciate) si uniscono e si riempiono di acqua, andando a fondo, fino a quando la maggior parte dell’acqua sarà evaporata.

maldon sea salt Ogni mattina il sale è raccolto ai lati dei “pentoloni”, poi viene fatto asciugare ben bene e messo alla fine su enormi vassoi in plastica ad asciugarsi in forni con temperature bassissime per 5/6 ore, prima di essere impacchettato per la distribuzione.Il sale di Maldon funziona benissimo, per contrasto, su consistenze morbide, e persino sul cioccolato.
Be’ forse la spiegazione e’ un po’ semplice ma almeno, spero, abbastanza comprensibile!

For more information about Maldon Salt: http://www.maldonsalt.co.uk/

Having existed or taken using paper writing services place in a period before the present!
 

The future of food? …molecole a tavola.

14 May

cucina e molecolemolecole…Ovvero la “Molecular gastronomy”, mmmmmolto interessante!
Ne ho sentito parlare poco… molto di piu’ all’estero soprattutto da alcune riviste culinarie piu’ tecniche.
L’idea e’ quella di considerare la scienza come la frontiera piu’ avanzata della ricerca gastronomica,
la cucina come un piccolo laboratorio casalingo… fatta di tecniche e ricette, insomma le conoscenze scientiche a sostegno della cucina… una possibilita’ in piu’ offerta al mondo dei fornelli!
Una cucina innovativa, forse la cucina del futuro. Vedremo, come tutte le novita’ occorrera’ ancora molto tempo prima che diventi una consuetudine… e nel caso si voglia adottare probabilmente occorrera’ modificare alcune delle nostre abitudini ai fornelli.

Ingrediente fondamentale resta comunque la qualita’ dei piatti, “molecolari” o no, molto dipende dallo chef.

Nella schiera dei 50 top Chefs by the British magazine Restaurant—i primi tre classificati in un indagine condotta nel 2006- furono lo Chef Ferran Adria in Spagna, Heston Blumenthal in UK, e Pierre Gagnaire con il suo ristorante di Parigi (Restaurant, 2006) …tutti e tre gli Chef si ispirarono alla cucina molecolare…
Ad ogni modo gli interrogativi sulla cucina molecolare non mancano, sara’ un trend temporaneo o ben presto sara’ normale utilizzare ad esempio l’azoto liquido per preparare un gustosissimo gelato, comodamente nelle nostre case in pochissimi secondi?

Nel caso foste impazienti di farlo Vi suggerisco la lettura de “II gelato estemporaneo e altre invenzioni gastronomiche” edito da Sperling &Kupfer di Davide Cassi …”si mette la base liquida da trasformare (un succo di frutta, latte, o crema inglese, o caffè, o vino, o olio aromatizzato, o quello che vi pare…) in una pentola metallica; poi, senza aggiungere additivi o porcherie chimiche di sorta, si versa l’azoto liquido e si mescola. L’azoto, a contatto con la base, per lui caldissima, evapora estraendo aromi, così la raffredda velocemente e la gonfia di tante piccolissime bollicine profumate. Tutto è fisico, tutto è naturale. Non avvengono reazioni chimiche che alterano la natura degli ingredienti, e alla fine ci troviamo con un gelato di qualità diversa e superiore. Più cremoso, perché i cristalli di ghiaccio che si formano sono tanto piccoli da non essere percepiti dalla bocca. Più aromatico, per la presenza delle bollicine profumate. Meno “freddo”, perché, pur avendo temperature simili a quelle degli altri gelati, contiene meno ghiaccio e dunque lascia la bocca piacevolmente fresca senza congelarla”. (tratto da il gelato estemporaneo di Davide Cassi).

In Italy se volete gustare piatti “molecolari” dove fare un salto a Como al “Ristorante Mistral”
http://www.ristorante-mistral.com/ita/cucina_molecolare.htm

Abroad al “Moto Restaurant” se siete a Chicago!
Molecular food abroad

Frequent exposure to media and popular culture has desensitized how to write project paper many of us to slang.
 

Crostata alla Ricotta e Noci

11 May

Ingredienti: per circa 8 persone

Cottura 35/40 minuti

Per la pasta frolla
300g Farina 00
200g Burro
100g Zucchero
1 Uovo Intero

Per la Crema Alla Ricotta
500g Ricotta Fresca
5 Cucchiai di Zucchero
Una manciata di Noci
Una tazzina da caffè di Latte

Unire la farina, il burro a temperatura ambiente lo zucchero e l’uovo.
Amalgamate bene gli ingredienti in modo da ottenere una pasta che dovra’ essere piuttosto compatta.
Creato il  panetto di pasta frolla lo avvolgerete  nella pellicola, lasciandolo  riposare per 4 ore in frigorifero.
Per la preparazione della crema:

Prendete una terrina e inserite all’interno la ricotta, lo zucchero, le noci, il  latte, e mescolate sino ad  ottenere  una crema spalmabile.
Imburrate una teglia di circa 28 cm di diametro, stendetevi sopra la pasta frolla tirata con un mattarello.
Lo spessore della pasta frolla dovra’ essere di circa mezzo centimetro.
Ponete la crema sulla pasta, stendendola uniformemente.
Con i ritagli di pasta che avanzeranno creerete delle strisce sottili di pasta, che porrete sulla crema .

Date un’occhiata alla foto… questo dovra’ essere il risultato finale!

Fatela raffreddare e servitela.

Buon Appetito!
Ü Recchelin

Exchange papers with a partner and read each others work. http://domyhomework.guru/