RSS
 

Vellutata “Liberi tutti”

07 Dec

Ragazzi…

Dicembre è un mese all’insegna del peccato di gola. E’ così, non si può evitare. Le cene con famiglia, amici e colleghi si moltiplicano, i supermercati propongono ogni genere di ben di Dio al quale è difficile resistere. Insomma, ogni occasione è buona per festeggiare e lasciar correre con un rassegnato, ma neanche poi tanto, proposito: ” Con il nuovo anno comincio la dieta…”. Suvvia, siate sinceri con la vostra Dama! Sapete che non sarà così, vero?

Quindi oggi vi propongo una preparazione dietetica per correre ai ripari e rimediare in anticipo alle calorie che verranno per non piangere – troppe – lacrime di coccodrillo. La vellutata che vi propongo oggi è… liberi tutti! Usate tutte le verdure di stagione che volete: verza, erbette, finocchi… acquistatele appositamente per l’occasione oppure, come ho fatto io, svuotate tranquillamente il frigo, tanto poi si frulla il tutto e nessuno sa niente, perchè il risultato, al palato ed agli occhi, è sempre apprezzato.

Questa vellutata non necessita di soffritto ma solo di un filo di olio extra vergine d’oliva a fine cottura. Il peperoncino aggiungerà quel tocco in più, accelererà il metabolismo favorendo la termogenesi aiutandovi così a bruciare calorie. La cottura a freddo delle verdure risulterà digeribile, leggera e saporita.

Ingredienti:

2 litri d’acqua, 2 carote, 1 porro, mezzo cavolfiore, mezza cipolla, mezzo peperone rosso, 2 spicchi d’aglio (opzionale), un pizzico di peperoncino, sale q.b. oppure un dado vegetale.

Preparazione:

Lavare, mondare e tagliare grossolanamente le verdure (io avevo quelle elencate sopra e non ho sbucciato nemmeno le carote) e mettetele nell’acqua fredda. Portare ad ebollizione e dopo circa una mezz’ora, passate il mixer ad immersione, ripetendo l’operazione di tanto in tanto per uniformare la vellutata. La mia è diventata molto cremosa e questo dipende dal numero e dal tipo di verdure utilizzate, dalla quantità dell’acqua. Fate conto che in cottura si ridurrà un po’.

Lasciate sobbollire per una decina di minuti, aggiustate di sale e servire subito con un filo di olio a freddo.

Questa vellutata si conserva in frigo per un paio di giorni in un contenitore ermetico e potete surgelarla, ritrovandone intatti colore e sapore.

Enjoy!

Happy Wednesday!

La vostra Dama

Tionally http://www.writemypaper4me.org thin and slight or meager in body or size!
 
 

Leave a Reply

 

 
  1. Insalata piemontese | TheGustibus: Cibo e Dintorni

    December 21, 2011 at 08:50

    [...] sulla scia delle lacrime di coccodrillo del festaiolo mese di dicembre, oggi vi propongo un’insalata leggera, saporita e [...]