RSS
 

Archive for January, 2012

Gratin Dauphinois

25 Jan

Ricordate il mio ultimo post sulla tarte Tatin? Incoraggiata dallo splendido risultato di questo mio primo tentativo, ho voluto cimentarmi con un’altra novità d’oltralpe: il gratin di patate Dauphinois. Non è un piatto complicato, tutt’altro, e rientra nella mia categoria preferita: quella dei piatti cosiddetti poveri ma squisiti ed anche incredibilmente raffinati. Infatti, necessita di pochissimi ingredienti che probabilmente avrete già in casa. E’ una preparazione che si adatta alla carne, cucinata in modo semplice; io ho abbinato delle scaloppine di pollo al vino bianco ed erbe di Provenza.

Chi ha detto che le cose buone devono essere complicate?

Ingredienti (per 2 persone):

500 gr di patate a polpa soda, 250 ml di panna fresca liquida, burro, uno spicchio d’aglio, sale, pepe.

Procedimento:

Strofinare una piccola teglia con uno spicchio d’aglio tagliato a metà. Imburrare generosamente. Sbucciare, risciacquare ed asciugare le patate che affetterete finemente. Comporre uno strato di fettine di patate. Salare e pepare ogni strato e continuare così fino ad esaurimento ingredienti. Versare la panna ed infornare a 160° per un’ora, un’ora e trenta circa. La superficie deve essere dorata, le patate cotte e la panna ridotta.

P.S.: la temperatura del forno non deve essere troppo alta, altrimenti la panna potrebbe formare dei grumi.

Enjoy!

Happy Wednesday!

La Dama Golosa

The original amount of debt on which writing a paper in mla format interest is calculated!
 

Tarte Tatin

18 Jan

Domenica faceva molto freddo e dopo una lunga passeggiata, mi è venuta voglia di preparare una merenda speciale per il mio Cavaliere Goloso. Essendo la tarte Tatin il suo dolce preferito, ho voluto cimentarmi in qualcosa per me nuovo ma che da tempo volevo provare. Uno degli aspetti positivi dell’inverno è che si usa il forno e la casa si riempie di profumi deliziosi…

La tarte Tatin non è un dolce difficile da preparare. La ricetta prevede la pasta sablée ma non avevo voglia di farla a mano, così ho optato per la pasta brisée già pronta. Ci vuole un po’ di pazienza per preparare il caramello e tagliare le mele ma il risultato ripagherà ampiamente le vostre fatiche e… assaporerete un pezzo di Francia.

Ingredienti (per 6 – 8 persone; teglia tonda da 28 cm):

Un rotolo di pasta brisée, 200 gr di zucchero, 65 gr di acqua, 60 gr di burro salato, 1 kg di mele golden.

Procedimento:

Prima di tutto, accendere il forno a 220° con la griglia al centro. Per i forni a gas, ricordare di mettere sempre una ciotolina con l’acqua. In un pentolino, versare l’acqua e poi lo zucchero. Mescolate con una spatola, a fuoco medio, per far sciogliere lo zucchero. Da quando inizia l’ebollizione, non toccatelo più e fatelo caramellare, fino a che diventa di un bel colore ambrato. Fuori dal fuoco, aggiungete il burro a dadini e mescolate con una frusta per incorporarlo. Non temete se si cristallizzerà, una volta in forno si scioglierà di nuovo! Per evitare la cristallizzazione, aggiungete un cucchiaino di succo di limone all’acqua e zucchero.


Versate il caramello sul fondo della teglia e distribuite bene. Sbucciate, mondate e tagliate le mele a spicchi. Disponeteli nella teglia con il lato arcuato verso il basso. Fate scivolare altri spicchi capovolti tra i primi. Cuocete in forno per un’ora. Togliete la pasta brisée dal frigorifero quindici minuti prima che le mele siano cotte del tutto. Posate la pasta brisée sulle mele, togliendo la pasta in eccesso o volendo, ripiegandola su sè stessa. Infornate ancora per 15 – 20 minuti. Quando la tarte Tatin sarà pronta, giratela immediatamente su un piatto e servitela tiepida accompagnata da crema Chantilly.

Voi avete già fatto la tarte Tatin? scrivete la vostra esperienza nei commenti!

Enjoy!

Happy Wednesday!

La vostra Dama

At anti spy mobile free ces 2013 in las vegas , wireless charging became a phenomenon when qi becomes popular in more than 130 global companies
 

Truffles Three Ways

11 Jan

Bentornati a tutti!

Per cominciare in dolcezza questo nuovo anno, oggi vi propongo una ricetta davvero golosa, rivolta a tutti gli appassionati di cioccolato come me. Richiede solo un po’ di pazienza ma vi assicuro che il risultato è garantito. Questi tartufini sono frutto di mie diverse sperimentazioni, prove ed accostamenti nati da ingredienti che già avevo in casa e questa ganache per me è la migliore: è semplicissima, si modella con facilità e si scioglie in bocca piacevolmente.

Ingredienti (per circa 25-30 dolcetti):

200 gr di panna fresca liquida da montare, 200 gr cioccolato amaro, meglio se al 75%, cacao amaro in polvere. Opzionale: zenzero fresco o in polvere, 1 peperoncino piccolo, mezza pera sciroppata.

Procedimento:

Ridurre a scaglie la cioccolata fondente; se volete preparare i tartufini con zenzero, peperoncino o pera sciroppata, vi consiglio di dividere il cioccolato a scaglie in 3 ciotole. Scaldare la panna – non deve bollire – e versarla sopra al cioccolato, mescolando bene con una spatola. Quando il cioccolato si sarà sciolto, lasciate raffreddare la ganache. Con queste giornate fredde vi basterà metterlo fuori dalla finestra o sul balcone per un paio d’ore. Quando il composto si sarà freddato, montarlo con le fruste. Con un cucchiaino da tè, prelevare un po’ di composto e formare una pallina. Per questo procedimento, uso dei guanti in lattice. Passare due volte le palline nel cacao e adagiatele in pirottini di carta. Conservare in frigo in un contenitore ermetico fino al momento di servire.

Le varianti che ho preparato:

Allo zenzero:

Alla panna calda, aggiungere una puntina di zenzero in polvere o mezzo cucchiaino di zenzero grattugiato fresco.

Al peperoncino:

Alla panna calda, ho aggiunto un piccolo peperoncino tagliato a pezzettini; ho filtrato prima di versare sul cioccolato.

Alle pere sciroppate:

Ho asciugato mezza pera sciroppata e l’ho tagliata a dadini ; ho messo un dadino all’interno di ogni truffle.

Enjoy!

Happy Wednesday!

La vostra Dama

Identify how to avoid using essays sites slang, clichs, and overly general.